JOCELYN BELL

Dublin Core

Title

JOCELYN BELL

Creator

Veronica Iurilli

Contributor

Veronica Iurilli

Scienziati Item Type Metadata

Nome completo

Susan Jocelyn Bell Burnell

Luogo e data di nascita

Belfast (Irlanda del Nord), 15 luglio 1943

Biografia

Jocelyn Bell è un'astrofisica britannica, scopritrice, sotto la direzione del suo relatore di tesi Antony Hewish, della prima pulsar.
Prima della laurea in Fisica all'Università di Glasgow, Bell dovette vedersela con un sistema scolastico che scoraggiava le ragazze dallo studio delle materie scientifiche: per esempio, esigendo voti di ammissione più alti rispetto a quelli richiesti ai ragazzi.
Bell in seguito alla laurea in fisica a Glasgow, frequentò l'Università di Cambridge (Murray Edwards College) dove ottenne il dottorato. Qui lavorò con Anthony Hewish e con altri, per costruire un radiotelescopio. Lo scopo era di studiare i quasar, che erano stati da poco scoperti. Ascoltando il rumore di fondo della registrazione compiuta sul cielo, Bell trovò un segnale che pulsava regolarmente, più o meno una volta al secondo (1,34 s). La sorgente fu chiamata all'inizio LGM1, dove LGM è l'acronimo di Little Green Men (omino verde); infatti Bell e Hewish pensarono che si trattasse di un segnale proveniente da esseri extraterrestri, in quanto appariva troppo regolare. Ma successivamente Bell individuò altri tre intervalli con periodicità diverse e in tre differenti regioni di cielo: si trattava di stelle, dunque, che chiamò pulsar.
Dopo la grande scoperta del 1967 Bell lavorò all'Università di Southampton dal 1968 al 1973, all'University College di Londra dal 1974 al 1982 e all'Osservatorio Reale di Edimburgo dal 1982 al 1991, prima di diventare professoressa di fisica alla Open University per dieci anni, ed in seguito professoressa "in visita" all'Università di Princeton. Nel 1986 è diventata la project manager per il James Clerk Maxwell Telescope a Mauna Kea, Hawaii. Prima di ritirarsi, Bell era Decano di Scienze all'Università di Bath, tra il 2001 ed il 2004, ed è stata Presidente della Royal Astronomical Society tra il 2002 e il 2004. Attualmente è professoressa in visita alla Oxford University. È stata Presidente dell'Institute of Physics tra il 2008 e il 2010. Nel febbraio del 2018 è stata nominata rettore dell'Università of Dundee.
Nonostante il Premio Nobel per la scoperta delle pulsar sia stato assegnato scorrettamente al solo Hewish, Bell è stata premiata da molte altre organizzazioni

Attestati

Medaglia Albert A. Michelson del Franklin Institute di Filadelfia.
Premio J. Robert Oppenheimer Memorial del Center for Theoretical Studies, University of Miami.
Premio Beatrice M. Tinsley dell'American Astronomical Society.
Medaglia Herschel della Royal Astronomical Society.
Jansky Lectureship al National Radio Astronomy Observatory.
Premio Magellano dell'American Philosophical Society.
Fellow of the Royal Society.
Fellow of the Royal Society of Edinburgh.
Lezione intitolata a William E. Gordon and Elva Gordon all'Arecibo Observatory.
Grote Reber Medal all'assemblea generale dell'International Radio Science Union di Istanbul.
Royal Medal della Royal Society.
Women of the Year Prudential Lifetime Achievement Award.
Institute of Physics President's Medal.
Special Breakthrough Prize.

Pubblicazioni

"Broken for Life"
"An Introduction to the Sun and Stars"
"A Quaker Astronomer Reflects: Can a Scientist Also Be Religious?"


Curiosità

Bell si batte ancora oggi per i diritti delle donne in ambito scientifico e per migliorare la loro l'incursione nel mondo universitario; di fatti ha contribuito alla fondazione dell'Athena Swan programme che si occupa di questo. Il denaro finanzia borse di dottorato per le persone meno rappresentate in ambito accademico.

Riferimenti

https://it.wikipedia.org/wiki/Jocelyn_Bell https://www.focus.it/scienza/scienze/jocelyn-bell-burnell-scopritrice-delle-pulsar-ha-vinto-il-breakthrough-prize

Files

bell_1.jpg
bell_2.jpg
bell_3.jpg

Collection

Citation

Veronica Iurilli, “JOCELYN BELL,” __Cosmic_Noise__e-learning_for_science__, accessed June 27, 2022, http://www.cosmicnoise.it/o/items/show/669.

Output Formats