NAPALM

Napalm sulla pelle.
Apocalypse Now
napalm_2.jpg
napalm_1.jpg

Dublin Core

Title

NAPALM

Creator

Giovanni Aglialoro

Chimica Item Type Metadata

Denominazione

Napalm

Formula chimica

Napalm deriva dalla contrazione dei nomi dei due prodotti chimici che servono alla fabbricazione: NAftenato di alluminio e PALmitato di sodio (e alluminio).

Formula di struttura

Nella figura si possono vedere le strutture molecolari dei precursori degli addensanti usati nella miscela chiamata"napalm", ovvero acido naftenico e palmitico.
http://www.cosmicnoise.it/o/files/original/10/727/napalm_1.jpg

Proprietà fisico/chimiche

Acido naftenico
3-(3-ethylcyclopentyl)propanoic acid
Naphthenic acids
Cn H2n-1 COOH o C10 H18 O2
Massa molare 170.2 g/mol
Aspetto liquido oleoso giallo chiaro tendente al nero
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3) 0,982
Solubilità in acqua scarsa
Temperatura di fusione da -35 °C a +2 °C (da 238 a 275 K)
Temperatura di ebollizione 140-370 °C (413 - 643 K)

Acido palmitico
acido esadecanoico
hexadecanoic acid
acido grasso saturo, comune negli animali e nelle piante.
Aspetto: solido, bianco
CH3 (CH2)14 COOH o C16 H32 O2
Massa molare: 256,4 g/mol
Punto di fusione: 63 °C
Solubilità in acqua: insolubile

Stato naturale e diffusione

Si tratta di una benzina gelificata incendiaria che si attacca all' area dove viene lanciata e che, bruciando, produce un calore intensissimo.

Processo produttivo

La miscela di benzina con gli addensanti si effettua al momento dell'utilizzo, dato che non è conservabile.
Esistono vari sottotipi di napalm che si diversificano in base agli addensanti utilizzati.

Utilizzi, applicazioni

Veniva usata nei lanciafiamme e in ordigni incendiari; fu fatto largo uso del napalm nella guerra del Vietnam da parte degli americani. La benzina brucia troppo rapidamente per riuscire a trasferire sufficiente calore al bersaglio; perciò nel 1942 gli scienziati di Harvard studiarono come migliorarne gli effetti incendiari e scoprirono che una miscela di saponi a base di polvere di alluminio (naftenati e palmitati) unita alla benzina, la trasformava in una specie di sciroppo che brucia a circa 1000 gradi, contro i 675 gradi della benzina. Nei lanciafiamme il napalm veniva aggiunto nella misura del 6% (nelle bombe si usa il 12-15%).
Dopo la seconda guerra mondiale è stato sviluppato un tipo di napalm più maneggevole (Napalm B, o NP2) in cui non si usano più i saponi ma polistirolo, benzene (o toluene) e benzina .

Cenni storici

Louis F. Fieser (1899-1977), dell'Università di Harvard, è stato l'ideatore del napalm, usato dall'esercito statunitense durante la seconda guerra mondiale e la guerra del Vietnam. Lo scienziato non si sentì responsabile dell'uso fatto del napalm, affermando « Io non ho nessun diritto di giudicare la moralità del napalm soltanto perché l'ho inventato io »
Nel 1972 e nel 1974 l' ONU votò una risoluzione condannando l' uso del napalm e di altre bombe incendiarie.

Note

Si vedano le didascalie delle immagini napalm_2.jpg, napalm_3.jpg e napalm_4.jpg.
Si riferiscono all'impiego che è stato fatto in Vietnam del napalm e ai suoi effetti devastanti. Una ci mostra una bambina vietnamita rimasta nuda e ustionata gravemente. Per le ferite provocate dal napalm Kim Phuc fu ricoverata per 14 mesi e subì 17 operazioni. Con la sua foto Nich Ut vinse il World press photo of the year nel 1972 e il premio Pulitzer nel 1973.

Riferimenti

http://www.rainews.it/dl/rainews/media/Napalm-sulla-pelle-dopo-40-anni-Kim-Phuc-porta-ancora-i-segni-della-Guerra-del-Vietnam-e0090c8d-0a6d-4141-8cb7-7f50783b2f61.html

https://www.internazionale.it/opinione/rosy-santella/2015/06/13/vietnam-napalm-bambina-foto

http://www.earmi.it/armi/lafiamm.htm

https://it.wikipedia.org/wiki/Louis_Frederick_Fieser

Collection

Citation

Giovanni Aglialoro, “NAPALM,” __Cosmic_Noise__e-learning_for_science__, accessed April 22, 2024, http://www.cosmicnoise.it/o/items/show/727.