KARL SCHWARZSCHILD

Dublin Core

Title

KARL SCHWARZSCHILD

Creator

Mehloul Younes

Contributor

Mehloul Younes

Scienziati Item Type Metadata

Nome completo

Mark Schwarzschield

Luogo e data di nascita

Francoforte sul Meno (Germania), 9 ottobre 1873

Luogo e data di morte

Potsdam (Germania), 11 maggio 1916

Biografia

Dopo avere studiato nelle scuole pubbliche della città natale e di Strasburgo, Karl s'iscrisse all'università di Monaco attrattovi dalla fama di H. v. Seeliger, che anche in seguito ebbe sempre molta influenza sul suo pensiero scientifico. Nel 1896 entrò come assistente nell'Osservatorio von Kuffner di Vienna, e vi restò fino al 1899; dopo un breve intervallo, trascorso come docente a Monaco, fu nominato nel 1901 direttore dell'osservatorio di Gottinga e professore di astronomia in quell'università, quale successore di W. Schur. Nel 1909 infine successe a H. C. Vogel come direttore dell'osservatorio astrofisico di Potsdam.
Durante la guerra mondiale diresse la stazione meteorologica tedesca di Namur, e, come ufficiale d'artiglieria, combatté al fronte francese e a quello russo, contraendovi l'infermità che lo condusse alla tomba.
L'opera scientifica dello Sch. è quanto mai vasta e variata, andando dall'astronomia pratica alla matematica pura, dall'astrofisica alla statistica stellare, ed estendendosi ancora a ricerche di balistica, meteorologia, fisica teorica, ottica, navigazione, ecc. Il suo primo lavoro è del 1890 e riguarda il problema della determinazione di un'orbita con tre osservazioni. A Vienna si occupò di astronomia pratica e astrofisica con un'ampia determinazione di grandezze fotografiche stellari: tra i risultati conseguiti è da ricordare la legge che l'effetto fotografico è proporzionale a Itp, dove I è l'intensità della sorgente luminosa, t il tempo di posa e p una costante che lo Sch. ha trovato uguale a o,76. Passato a Gottinga, pubblicò, con la cooperazione dei suoi assistenti e allievi, la Göttinger Aktinometrie, catalogo di grandezze stellari fotografiche comprendenti le stelle fino alla grandezza 7,5 e di declinazione tra 0° e +20°, nonché la loro riduzione ad una scala assoluta. Questo lavoro è molto importante perché ha permesso di ottenere l'indice di colore (differenza tra la grandezza fotografica e la grandezza visuale) di 3500 stelle, delle quali a Potsdam erano già state misurate le grandezze visuali, e poi di ricavare la relazione tra l'indice di colore e il tipo spettrale delle stelle con la notevolissima conseguenza che le stelle di colore intermedio (gialle) sono quelle dotate di maggior moto proprio. Nel campo dell'astronomia pratica è da ricordare anche che Sch. fu il primo ad usare - nel 1895 dietro suggerimento di A. Michelson - l'interferometro per la misura delle stelle doppie.

Nel campo della fisica solare lo Sch. emise (1906) una teoria sull'equilibrio raggiante dell'atmosfera del Sole, riconoscendo che vi sono tre modi possibili con cui l'energia solare può essere trasmessa, di cui soltanto l'irraggiamento è il più importante.

Tralasciando di ricordare in particolare i numerosi suoi lavori teorici, di cui i più notevoli riguardano la pressione della luce sulle piccole particelle solide - che è in stretta connessione con la repulsione della coda delle comete da parte del Sole - e la teoria della relatività, tra cui la forma statica da lui data all'elemento lineare ds2 (v. relatività, teoria della) e la conseguente spiegazione del moto del perielio di Mercurio, il campo dove maggiormente rifulge l'opera dello Sch. è quello della statistica stellare e della struttura dell'Universo. Egli riprese e continuò le ricerche del suo mestro Seeliger, che è stato il pioniere delle teorie matematiche sulla distribuzione delle stelle, completando il sistema fondamentale delle due equazioni integrali date dal Seeliger con l'aggiunta di una terza per le velocità radiali, e riuscendo a dare una soluzione generale a tutto il problema, soluzione che è importante - oltre che dal punto di vista astronomico - anche da quello della matematica pura. Del pari notissime sono le altre sue ricerche sull'ipotesi ellissoidale dei moti stellari, e la teoria sulla distribuzione delle stelle nello spazio, che lo condusse alla scoperta delle stelle nane e delle stelle giganti.

Attestati

- Gli è stato dedicato un cratere di 212 km di diametro sulla
Luna.
- Il suo nome è stato dato a una medaglia che viene
assegnata ad astronomi e astrofisici, la Medaglia Karl
Schwarzschild.

Pubblicazioni

Pubblicò e divulgò le conclusioni dei suoi studi nella corrispondenza intrattenuta dal fronte con Einstein; il 15 novembre 1915 Albert Einstein scoprì le equazioni di campo della relatività generale, poi stampate sul numero di novembre degli Atti dell'accademia delle scienze prussiana. Allora Schwarzschild rese note le sue soluzioni inviando ad Einstein, il 16 gennaio 1916, un primo articolo nel quale presentava la prima soluzione esatta di quelle equazioni.

Curiosità

I suoi studi di astrofisica teorica apportarono contributi fondamentali alla teoria della relatività generale del contemporaneo Albert Einstein: Schwarzschild riuscì a scegliere condizioni di approssimazioni tali che gli permisero di risolvere le equazioni di campo einsteiniane in maniera esatta, laddove Einstein medesimo aveva sostenuto che sarebbe stato difficile trovare soluzioni analitiche, meravigliandosi e complimentandosi con il collega per la fortunata scelta.

Riferimenti

www.treccani.it/enciclopedia/karl-schwarzschild
www.torinoscienza.it/personaggi/karl-schwarzschild
it.wikipedia.org/wiki/Karl_Schwarzschild

Files

Schwarzschild.jpg
Karl_schwarzschild.portrait.jpg

Collection

Citation

Mehloul Younes, “KARL SCHWARZSCHILD,” __Cosmic_Noise__e-learning_for_science__, accessed October 23, 2020, http://www.cosmicnoise.it/o/items/show/995.

Output Formats